apr 152010
 

Dopo Europe Ecologie, una novità politica europea potrebbe venirci dalle elezioni inglesi di maggio attraverso i LibDem, i Liberal Democratici. Con un linguaggio secco e chiaro, la missione che si prefiggono è recuperare voti nel bacino di delusi sempre più ampio dalle politiche dei laburisti e conservatori, certamente più grande del tradizionale corpo elettorle liberale. Merito, equità, spesa responsabile e libertà civili sarebbero, secondo al buona interpretazione fornita da Frontpage, le quattro gambe della proposta della storica terza forza britannica. Certamente con maggiori punti in comune con i laburisti, il partito del giovane e brillante Clegg si candida comunque non solo ad essere l’ago della bilancia o comunque la forza che potrebbe essere necessaria per formare un nuovo governo, ma a sparigliare l’imbolsita politica di sua Maestà che non sembra riuscire ad appassionare più di tanto le giovani generazioni inglesi e comunque teme l’onda astensionistica che ha tenuto banco recentemente in Francia e in Italia. Proposte chiare, certamente. I Liberal Democratici infatti sembrano essere ad esempio l’unica forza che veramente sta rappresentando l’area dei diritti civili su cui anche i “progressive” laburisti zoppicano. L’economia viene certamente presa molto sul serio, ancor più dei leader conservatori, prendendo di petto, ad esempio, il debito pubblico. Con ricette che in altre lande sconfinerebbero nella tradizione rossissima del taglio dei benefit ai ricchi e della tassazione dei loro castelli.
Antidogmatici per formazione, rilanciano la necessità di dare maggiori opportunità ai giovani mediante l’istruzione, tutelare meglio le famiglie con una “No-tax” fino a un certo reddito. Ma veramente il linguaggio fresco, la determinazione, l’antidogmatismo, il tentativo di dare una nuova credibilità alla politica, le soluzioni spiegate chiaramente potranno fare la differenza in queste elezioni. Da tenere d’occhio quindi, sperando che i riflettori dell’analisi politica possano veramente chiarirci queste forze che si affacciano con rinnovata audacia nel panorama politico: Europe Ecologie e LibDem. Magari una ventata di aria fresca nel chiuso delle contorsioni italiane che non ci affascinano più.