dic 182010
 

Il car sharing con auto elettriche di Parigi ha diversi aspetti che sono e verranno analizzati in vari modi. La notizia in sintesi è che a Parigi circoleranno auto elettriche costruite a Torino da Pininfarina con batterie prodotte in Francia da Bolloré. L’operazione non è nuova  e se ne parlava già diversi anni orsono. Un aspetto è comunque poco conosciuto ma interessante: l’operazione è stata resa possibile da una sorta di green procurement assicurato dalle amministrazioni francesi. Infatti, per rendere economicamente sostenibile il tutto, il progetto è stato preceduto dall’impegno appunto delle amministrazioni francesi – in primis la città di Parigi – di assorbire in qualche modo un numero di vetture sufficiente. L’amministrazione quindi è stata una sorta di start up che ha permesso di iniziare l’operazione spingendo non solamente la modalità del car sharing, ma la stessa circolazione delle auto elettriche, mettendo il proprio marchio come garanzia. Da qui il mercato dovrà successivamente dire se l’operazione funziona o meno. Senza questo iniziale disegno l’operazione non avrebbe potuto vedere la luce. Ma gli amministratori francesi in questo si dimostrano ancora una volta all’avanguardia e capaci di assumersi un rischio più o meno calcolato per la promozione di un altro tipo di mobilità. Cosa che dovrebbe essere nel dna di ogni vera amministrazione.