giu 252011
 

Mentre a New York persino l’Empire State Building si colora con l’arcobaleno per l’approvazione della legge sulle unioni omosessuali, in Italia Di Pietro e Vendola litigano sulle primarie mentre Bersani nicchia. Semplicemente mentre negli Usa certe battaglie in cui si allargano i diritti delle persone trovano il consenso compatto dei progressisti che riescono a far breccia e guadagnare consenso anche tra le fila dei conservatori – un po’ come è successo per i referendum – i leader dell’opposizione al tramontante Berlusconismo riescono a farsi male da soli anche senza essere sollecitati e a provocare divisioni non tanto sulle cose da fare, ma sulle modalità di raggiungimento della leadership. Lo spettacolo ci ha davvero stufati e credo sia davvero venuta l’ora di congedarsi da questi capi e capetti, dall’idea che esistano diverse sinistre e destre che possano incarnare le speranze delle persone e ci portino nel prossimo futuro senza farci deragliare alla prima curva. Sarà lunga e difficile, ma stavolta ci hanno davvero stancato.

 Leave a Reply

(required)

(required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>