dic 172010
 

Da gennaio circa 4 mila medici precari del SSN potrebbero ritrovarsi senza lavoro. Questo l’allarme lanciato dal Segretario della CGIL Medici Crozza nel momento in cui entra nell’operatività una norma contenuta nelle norme sul pubblico impiego varate l’estate scorsa che blocca tra l’altro i rinnovi contrattuali e congela per tre anni la retribuzione dei dipendenti pubblici. Il provvedimento impone alle amministrazioni di dimezzare nel 2011 la spesa per tutte le forme di lavoro flessibile, in cui rientra anche quella per i medici precari che prestano servizio nel SSN e che ammonterebbe ad un primo conteggio a circa 8 mila camici bianchi. Importante soprattutto la tipologia dei precari medici in sanità che svolgono attività soprattutto nel settore dell’emergenza (leggi Pronto Soccorso), di età per la maggior parte compresa tra i 35 ed i 45 anni e nel 60% donne. Inutile prevedere che ci potranno essere “disguidi” proprio in questi settori delicatissimi e il blocco di questi settori potrebbe riflettersi sulle garanzie di cura delle persone. Buon Anno

 Leave a Reply

(required)

(required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>